• Sii sano

2.533 visite

10 modi per smascherare un bluff

Come capire da gesti, sguardi e parole se la persona che abbiamo di fronte non sta dicendo la verità

Capire se qualcuno ci sta dicendo la verità oppure sta mentendo, semplicemente dai suoi comportamenti, dal modo di mettere le mani o spostare lo sguardo o chissà cos’altro, è il sogno di tutti. Se non altro, per smascherare un bluff, che si tratti di lavoro o amore poco importa.

E siccome i massimi esperti in questa materia sono i pokeristi, non c’è niente di meglio che fidarsi delle loro esperienze per imparare a decifrare gesti e occhiate altrui: la più grande accademia di poker on line del mondo, PokerStrategy.com, ha realizzato un sondaggio tra i suoi utenti.

I risultati, commentati da Claudio Lucchiari, docente di Psicologia cognitiva presso l’Università statale di Milano, hanno portato a questi 10 consigli. Partendo dalla domanda: “Quali sono gli elementi che fanno capire se gli altri giocatori stanno bluffando?”.

Leggi anche: Le bugie,  ecco come nascono e come si sviluppano

I 10 indizi per riconoscere un bugiardo

1) Lo sguardo – Chi non sostiene lo sguardo durante una conversazione a volte può avere qualcosa da nascondere, anche se talvolta il comportamento di chi mente può essere esattamente l’opposto, ovvero sostenere in modo evidente lo sguardo. Insomma, attenzione agli eccessi.

2) La postura – In questo caso comprendere la sincerità di chi si ha di fronte è più complesso, perché è necessario avere un’idea di come una persona generalmente si atteggia per notare delle variazioni nella postura, ad esempio se il nostro interlocutore si mantiene troppo sbilanciato in avanti o indietro.

3) Il sorriso – Questa espressione facciale svolge un ruolo fondamentale nel segnalare le nostre intenzioni. Sorridere può ad esempio mascherare (o tentare di farlo) il disagio che proviamo nel bluffare, ma il sorriso di mascheramento può apparire differente dal sorriso spontaneo e portare ad espressioni facciali miste che possono dare l’impressione del falso sorriso.

Leggi anche: Le bugie fanno male alla salute

4) Il movimento delle mani – Gesticolare con le mani (soprattutto verso di sé) sarebbe un altro segno indicatore che la persona sta mentendo, da tenere in considerazione soprattutto in contesti dove grande attenzione ricade sulle mani, come una partita di poker, ma anche un colloquio di lavoro o il primo appuntamento.

5) Toccarsi i capelli – E’ un modo per palesare una situazione di disagio emotivo o un malessere. I bugiardi in generale tendono molto a giocherellare con i loro capelli o ad assumere atteggiamenti simili, come mordersi le labbra.

6) Accavallare le gambe – Atteggiamenti come questo, o come incrociare le braccia, sono senz’altro sinonimi di chiusura, quindi è possibile che chi lo fa nasconda qualcosa.

Leggi anche: Come decifrare il linguaggio dei gesti

7) La voce – In linea generale, la bugia è associata a uno tono più alto della voce e ad una maggiore variabilità nei toni. Se invece la bugia è debole, il partner tenderà ad abbassare il tono della voce. Fare attenzione: il vero bugiardo non lo farà.

8) La conversazione – Mentire corrisponde a un aumento di pause o a frasi più concise, spesso frammentate. Si mostra inoltre, un aumento del tempo di latenza: le persone che non dicono la verità ci mettono qualche istante in più per iniziare la frase di risposta.

9) L’abbigliamento – Usare indumenti o accessori molto coprenti, degli occhiali ad esempio, potrebbe essere un ausilio semplice per mascherare le proprie reazioni. Al contrario, non utilizzarli potrebbe essere mostrare la propria capacità di autocontrollo, le proprie competenze e la sicurezza in sé, anche in questo caso un bugiardo doc non ne avrebbe bisogno.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

www.steroid-pharm.com

https://webterra.com.ua

https://eurobud.com.ua/bitumnaya-cherepitsa-shinglas-kadril/
}