• Sii sano

958 visite

Allarme Sesso, tutti i rischi da smartphone e computer

La temperatura elevata che il computer raggiunge rischia di provocare dermatiti molto serie

Le insidie che vengono dal  telefono cellulare

 

I rischi dell’esposizione alle radiazioni emesse dai telefoni cellulari nei problemi di fertilità maschile sono state confermate di recente da nuove analisi che sembrano dare almeno in parte ragione a chi sostiene  l’incompatibilità tra campi magnetici  dei telefonini e vitalità degli spermatozoi.

Sulla  rivista   è stato infatti pubblicato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Exeter (Regno Unito) secondo cui “essere esposti alla radiazione elettromagnetica delle radiofrequenze perché si tengono i telefoni cellulari in tasca influenza negativamente la qualità degli spermatozoi”.

I ricercatori hanno studiato i dati sulla motilità, la vitalità e la concentrazione degli spermatozoi in quasi 1.500 campioni di sperma ottenuti da cliniche per la fertilità e centri di ricerca nel corso di 10 differenti studied hanno scoperto che l’esposizione alle radiazioni associate ai cellulari riduce dell’8% la percentuale di spermatozoi dotati da normali capacità di movimento e ne compromette significativamente la vitalità. Una realtà che, secondo gli esperti,  “ potrebbe essere particolarmente pericoloso per gli uomini già sul ciglio dell’infertilità”.

 

Leggi anche: Ecco i 10 sintomi che  svelano se sei “schiavo” del cellulare

 

Danni anche alla pelle

In un altro studio,  sono state anche accertate conseguenze che l’uso prolungato di un PC portatile sulle ginocchia provoca alla pelle.

Claude Bachmeyer dell’ospedale Tenon di Parigi in un articolo pubblicato sulla rivista Journal de l´Academie europeenne de dermatologie ha analizzato il caso di un ragazzo di 26 anni affetto da lesioni pigmentate sulle cosce. Per i medici il ragazzo soffre di una “dermatite del conducente”, una patologia classica dovuta al contatto ripetuto della pelle con una fonte di calore che oscilla dai 40 ai 50°. Nel caso specifico la causa sarebbe stata il computer portatile, posato sulle cosce per varie ore al giorno.

Bachmeyer e i suoi colleghi, che hanno trovato in letteratura cinque altri casi simili, sono convinti che i microchip dei portatili possano provocare questo tipo di dermatite in quanto sprigionerebbero calore a una temperatura di 50°. Per questo tenere il pc tutti giorni e per più di qualche ora sulle ginocchia potrebbe rivelarsi pericoloso per la salute.

 

Leggi anche: Sesso, senza il cellulare il desiderio crolla

 

 

 

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

}