• Sii sano

752 visite

Anca (Lussazione congenita)

È un’alterazione congenita nella quale la testa del femore (V. ARTO INFERIORE) non si articola – come di norma – con l’acetabolo del bacino, ma slitta verso l’alto. Può essere uni- o bilaterale. La frequenza della lussazione congenita dell’anca è di circa 400 ogni 100.000 nati; essa prevale tra i bambini nati mediante parto podalico, e nei nati da madri che durante la gravidanza hanno avuto una ridotta quantità di LIQUIDO AMNIOTICO (V.). Se la lussazione è tale da sfuggire al rilievo nei primi mesi di vita, viene poi riconosciuta quando il bambino comincia a camminare. Di essi, mentre in un terzo l’anomalia tende a correggersi spontaneamente, nel restante occorre intervenire con misure ortopediche. Di solito il trattamento consiste nella trazione, che riporta la testa del femore nella sua posizione normale, mantenuta poi in situ da speciali dispositivi di pesi e pulegge. Se però l’anomalia viene trascurata o non riconosciuta in tempo, si richiede la correzione chirurgica. Nei casi trattati correttamente e tempestivamente non residua alcuna anomalia; altrimenti, possono residuare difetti più o meno vistosi nella stazione eretta e nella deambulazione. Se la lussazione congenita dell’anca non viene trattata affatto, possono subentrare accorciamento della gamba e artrosi precoce dell’articolazione dell’anca.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

http://top-obzor.com

http://agroxy.com

https://agroxy.com
}