• Sii sano

1.421 visite

Ascoltare la musica lirica fa bene al cuore

I brani ricchi di enfasi, come le arie dell’opera, sono i migliori per favorire la circolazione. Gli altri vantaggi della musicoterapia

27 GIU – La musica ha mille benefici: per esempio migliora l’intelligenza, può essere determinante per la salute dei bimbi nati prematuri o nella riabilitazione dopo un ictus. Ora si scopre anche che fa bene al cuore, specie se è quella dell’opera lirica: può rallentare il battito cardiaco e ridurre la pressione.

Attenzione, però, perché l´effetto delle note cambia: musiche con tempi più veloci accelerano respirazione, battito e pressione, mentre quelle più calme e ritmate hanno l´effetto opposto. A indagare sul potere delle melodie è il team di Luciano Bernardi dell´Università di Pavia, che ha chiesto a 24 volontari sani di ascoltare cinque brani di musica classica, monitorando le reazioni del loro corpo alle note. Fra i pezzi usati, selezioni della Nona di Beethoven, un´aria della Turandot di Puccini, una cantata di Bach (BMW 169), il “Va’ Pensiero” dal Nabucco e “Libiam nei lieti calici” da La Traviata. Ogni crescendo musicale – caratterizzato da un graduale aumento di volume – eccita il corpo e porta a un restringersi dei vasi sanguigni sotto la pelle, con un aumento della pressione e del battito cardiaco, e una crescita del ritmo respiratorio. Al contrario, con i decrescendo si ha un rilassamento generale, che rallenta il battito e abbassa la pressione.
I ricercatori hanno scoperto che le tracce ricche di enfasi, che cioè alternano parti più veloci ad altre più lente – come accade nella musica operistica – sembrano le migliori per la circolazione e il cuore. In particolare le arie di Verdi, che seguono fraseggi musicali lunghi 10 secondi, sembrano sincronizzarsi perfettamente con il ritmo cardiovascolare naturale.
“La musica”, spiega Bernardi, “induce un continuo cambiamento dinamico, e in qualche modo prevedibile, nel sistema cardiovascolare. Questi risultati aumentano la nostra comprensione di come i brani musicali potrebbero essere utilizzati nella medicina riabilitativa".
In ogni caso, secondo gli esperti, è importante che la terapia con la musica sia personalizzata. Non tutti i brani, infatti, possono avere lo stesso effetto benefico sui pazienti.

Redazione Staibene.it – giugno 2009

Tag:
Redazione Staibene

www.best-cooler.reviews/blog/

мазда цх 5

купить аккумулятор на авто
}