• Sii sano

853 visite

C’è la crisi finanziaria, la cura dei piedi è rimandata

Sette italiani su dieci hanno problemi come calli, durani, verruche e altro. Ma non tutti si possono permettere di ricorrere al podologo

26 APR – Calli e duroni, alluce valgo, verruche, unghie incarnite… I problemi dei piedi sono tra le principali croci degli italiani, che soffrono in silenzio rinviando le cure perché la crisi finanziaria li costringe a risparmiare. La denuncia arriva dall’Associazione italiana podologi (Aip), secondo cui sette italiani su dieci hanno problemi alle estremità. Disturbi più o meno gravi, che spesso si traducono in dolore e disagio. E spingono soprattutto gli anziani a limitare i movimenti e a optare per una vita sedentaria. Anche perché la difficile situazione economica induce molti a pensarci due volte prima di andare dal podologo. Risultato: anche piccoli problemi, se trascurati, possono diventare più gravi. Per non parlare di chi, invece, ha problemi davvero seri: i malati di diabete, per esempio: il trattamento della complicanza da parte del podologo, secondo uno studio americano, può ridurre del 60% le amputazioni, che nel 2006 ammontavano per l´Italia a ben 6.850, di cui 4.429 in maschi e 2.421 in femmine.

Redazione Staibene.it – 2009
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

Узнайте про нужный портал , он описывает в статьях про Doogee X5 Max Pro.
www.agroxy.com

http://agroxy.com
}