• Sii sano

1.174 visite

10 modi per mettere il turbo al cervello

Un decalogo di consigli per farlo rendere di più

Ammettiamolo: quanti di noi hanno sognato una pasticca miracolosa capace di aumentare al 100% le potenzialità del nostro cervello e raggiungere successi inimmaginabili? Tutti o quasi. Per quelli di voi che non si rassegnano all’idea di dover sfruttare solo in parte le proprie capacità cerebrali, ci sono i film di fantascienza.
Per tutti gli altri, costretti a fare i conti con i limiti umani, abbiamo stilato 10 consigli basati su ricerche scientifiche degli ultimi anni. Con una precisazione: il fatto che l’essere umano utilizzi davvero solo il 10% del proprio cervello è un falso mito, mai dimostrato dalla scienza. La realtà è che ciascuno di noi usa tutto il suo cervello: la differenza sta nel come lo fa. Volete provare a migliorarvi? Andate avanti a leggere…

1) Fai il pieno di acido folico – Assumere regolarmente acido folico (la vitamina B9), presente per esempio in carne di fegato, fagioli, spinaci e noto per la sua capacità di prevenire alcune malformazioni nei bambini, ringiovanisce il cervello fino a 7 anni. Lo ha scoperto uno studio realizzato dai ricercatori dell’università olandese di Wageningen (Olanda), secondo cui la memoria guadagna tra i 5 e i 7 anni, mentre la velocità di reazione ed elaborazione delle informazioni ringiovaniscono in media di 2 anni.

2) Fai tanta ginnastica – Fare sport protegge il cervello. Lo rende più vispo e reattivo, meglio di quanto possano fare i test per l’intelligenza. “Moltissime analisi neurologiche dimostrano come il movimento fisico faccia bene alla materia grigia”, sostiene John Ratey, professore di psichiatria ad Harvard. Il cervello di chi fa attività fisica cambia di volume particolarmente nell´area frontale, associata alla funzionalità mnemonica. Gli scienziati ritengono che qualsiasi tipo di attività aerobica aumenti le funzioni della regione del cervello che controlla le cosiddette “funzioni esecutive”: la capacità di concentrarsi, di memorizzare e di fare più cose contemporaneamente.

3) Non seguire diete troppo rigorose – Così come accade se si mangia troppo, anche perdere troppi chili e tutti insieme, rapidamente, può avere effetti deleteri sul cervello, provocando non solo depressione e perdita di autostima, ma riducendo la memoria di almeno il 20%. L´allarme arriva da uno studio effettuato nel Regno Unito, secondo cui il livello di attenzione, dopo una dieta particolarmente drastica, è risultato ridotto del 30%, mentre la capacità di memoria immediata di oltre il 20%.

4) Fai jogging 2-3 volte la settimana – Uno studio giapponese ha dimostrato come correre due o tre volte la settimana, per almeno 30 minuti, durante un arco di tre mesi, apporta notevoli benefici alle facoltà cognitive: merito del fatto che durante lo sforzo della corsa si intensifica l’afflusso di sangue e ossigeno al cervello.

5) Chiacchiera più che puoi – Socializzare è un’ottima forma di ginnastica per il cervello: parlare di persona o al telefono, chiacchierare, scambiare idee e opinioni, valutazioni e anche pettegolezzi fa bene quanto e in certi casi anche più dei test mnemonici. Sia negli anziani sia nei più giovani. Lo ha dimostrato uno studio dei ricercatori dell´università del Michigan (Usa), condotto su più di 3 mila adulti.

6) Gioca con la tua memoria – Gary Small, dell´università Ucla di Los Angeles (Usa) autore del bestseller "La Bibbia della memoria", ha individuato alcuni esercizi molto efficaci per migliorare le prestazioni del cervello. Eccone tre: al supermercato calcolate a mente quanto state spendendo e poi, giunti alla cassa, confrontate il vostro calcolo con lo scontrino; osservate per un minuto un elenco di 10 parole, dedicatevi per 20 minuti a qualcos´altro, poi cercate di riscrivere le 10 parole che avete memorizzato; – cercare di ricordare a memoria la lista della spesa, ricordandola ad intervalli di 10 minuti.

7) Videogioca! – I videogames fanno bene al cervello, lo rendono più elastico nei riflessi, nella capacità reattiva, nell’elaborazione delle situazioni, nell’ampiezza del campo visivo. E i risultati sono anche migliori nelle persone che non hanno mai giocato. È il risultato di uno studio condotto da ricercatori americani del Center for visual science dell´università di Rochester (New York).

8) Non fare vacanze troppo lunghe – Secondo Siegfried Lehrl, un ricercatore dell´università di Erlangen e Nuremberg (in Germania), concedersi più di 14 giorni consecutivi di lontananza dal lavoro può far abbassare il quoziente di intelligenza di circa 20 punti. 

9) Fai un pisolino – Lo ha dimostrato una ricerca dell´Università di Dusseldorf (Germania): bastano soli 6 minuti di pisolino per innescare, e quindi tenere allenato, nel cervello il meccanismo dell´elaborazione dei ricordi.

10) Parla tante lingue straniere – Padroneggiare diversi idiomi regala flessibilità, lucidità e prontezza. Come hanno dimostrato i ricercatori dell’università di Tel Aviv (Israele) il cervello si mantiene più elastico e scattante, anche in età molto avanzata.

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

www.agroxy.com/prodat/otrubi-470/sumskaya-obl

https://agroxy.com

profshina.kiev.ua
}