• Sii sano

2.422 visite

Colesterolo, le statine sicure ed efficaci

Sfatato il mito di seri effetti collaterali come il maggiore rischio di tumore

Sono il farmaco per antonomasia contro l´ipercolesterolemia, i livelli eccessivi di colesterolo cattivo nel sangue. Riducono del 23% il rischio di ictus o attacchi cardiaci. Le statine restano tuttora un punto di riferimento, nella terapia contro il colesterolo alto. E ora un nuovo studio sfata l´ultimo luogo comune che deponeva a sfavore di questo farmaco: la presenza di effetti collaterali pericolosi, tra cui un superiore rischio di sviluppare forme tumorali.

Niente effetti collaterali troppo pericolosi

Lo hanno dimostrato gli scienziati dell´Università di Oxford (in Gran Bretagna) che, in uno studio pubblicato sull´autorevole rivista scientifica "The Lancet", hanno scoperto come i benefici derivanti dall´assunzione di questi medicinali sono tanto maggiori quanto più precocemente viene iniziato il trattamento. I risultati ottenuti, spiegano gli autori, rassicurano medici e pazienti anche sull´assenza di effetti collaterali come l´aumento, ipotizzato in passato, del rischio di sviluppare forme tumorali.
/

Lo studio
Lo studio ha coinvolto 20 mila individui a elevato rischio di attacco cardiaco o ictus a cui è stato chiesto di assumere 40 mg di simvastatina o un placebo per un totale di 5 anni. Nei 6 anni successivi l´assunzione della statina è stata prescritta a tutti i partecipanti: i ricercatori hanno così potuto rilevare che chi nei primi 5 anni aveva assunto solo il placebo continuava ad avere un rischio di ictus o attacco di cuore leggermente superiore rispetto a chi stava assumendo il farmaco da più tempo.

Preoccupazioni da parte
In un commento all´articolo, Payal Kohli e Christopher Cannon del Brigham and Women’s Hospital di Boston (Usa) sottolineano che “le statine sono efficaci e sicure e hanno effetti benefici a lungo termine. Per questo motivo le preoccupazioni dovrebbero essere messe da parte”.

Redazione Staibene

www.3kovra.com.ua

www.top-obzor.com
}