• Sii sano

562 visite

Cuore, la verità sulla morte di Astori, il calciatore che stava bene

astori

C’è un problema del cuore che uccide le persone anche se sono in perfetta salute, perfino salute cardiaca.
Si chiama bradiaritmia ed è quando il cuore rallenta con pause di alcuni secondi, e poi riprende il battito, oppure il cuore rallenta fino a fermarsi.

A svelare il paradosso è stata la morte del calciatore della Fiorentina Davide Astori, passato dalla vita alla morte nel mese di marzo 2018 durante il sonno, senza che nessuno nè lui se ne sia accorto,  senza che nulla sia accaduto, e senza che niente sia stato fatto né da lui stesso né da chi gli stava vicino per evitare il decesso.

Un rompicapo per gli stessi medici, un buco nero, un vuoto di occasioni, azioni che nessuno poteva prevedere e che nulla ha potuto ostacolare, ma che getta nella costernazione tutti, sani e malati, atleti e non atleti, e staglia un’ombra di inquietudine sulla certezza della vita anche di chi sta ottimamente in salute.

 

Leggi anche: Cuore, le 14 abitudini più dannose

 

Morire di cuore senza malattie del cuore

Siamo infatti abituati a pensare che all’origine della morte ci sia sempre qualche forma di patologia, di anomalia, di malformazione; qualcosa insomma che nella salute delle persone, sia per causa loro ( stili di vita che espongono a malattie), sia senza loro colpa ( le malformazioni o patologie genetiche) sia la causa della morte.

E dunque questa percezione in qualche modo ci rassicura, mette ognuno di noi nella situazione di poter prevedere o prepararsi al peggio in presenza di una di queste situazioni.

 

Rischi lo scompenso cardiaco? Scoprilo con IL TEST

 

Ma nel caso di Davide Astori, un atleta nel pieno della giovinezza, nella quasi onnipotenza fisica che ha un atleta allenato ed ipercontrollato dallo staff di medici e preparatori atletici, no; non c’era nulla che potesse esporlo ad una morte come questa. Il chè toglie ogni certezza anche a chi sta perfettamente bene e conferma che la vita è ….(segue)

 

Tag:
direzione staibene.it

}