• Sii sano

1.924 visite

Figli ansiosi? Ecco quando dipende dal papà

Se i figli sono ansiosi ed insicuri, una delle cause può anche essere involontariamente nel papà. Ecco perché entrano in ballo gli spermatozoi ed il DNA del genitore maschio.

Figli ansiosi? Ecco quando dipende dal papà

Un bel problema, lo . Perché per quanto possiamo sottovalutarlo e sovrastimarlo, pensiamo sempre che sia qualcosa che riguarda solo noi.

Invece è vero il contrario. Essere perennemente sotto stress, specie per gli uomini, è una condizione destinata a trasmettersi anche ai futuri figli. Che nel Dna avranno e . In che modo? Tramite gli spermatozoi, che sembrano proprio non dimenticare nulla.

 

Lo stress nei geni
Lo stress vissuto dai padri, anche quando erano adolescenti, comporta modificazioni permanenti nei gameti che, anche a distanza di anni, trasmettono alla prole un sistema di reazione agli eventi stressanti smussato, iper reattivo o debole.

 

Leggi anche: Come educare il bambino senza stress

La prima scoperta delle modificazioni epigentiche, ovvero di fattori ambientali che modificano l’espressione dei geni, legate ad alcune sindromi e patologie psicologiche come ansia e depressione trasmesse dai padri, si deve ai ricercatori della (negli Stati Uniti), ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica “Journal of Neuroscience”.

 

Lo studio
L’indagine è stata condotto sui topolini di laboratorio sottoposti per 6 settimane a fonti di stress cronici sia in età puberale che adulta.
Gli stress impiegati sono stati il trasferimento improvviso in altre gabbie, l’aggiunta di oggetti estranei o di odore di animali predatori e rumori.

 

Leggi anche: Le cause di dolori e fastidi da stress

“Lo stress sui topolini giovani o adulti ha indotto alcune modificazioni epigenetiche nei loro spermatozoi riprogrammando l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, una regione del cervello che comanda la risposta allo stress”, spiega Tracy Bale che ha svolto lo studio.

“In modo sorpendente, sia i figli maschi che le femmine dei padri stressati anche in giovane età hanno mostrato di avere una reattività anormale alle fonti di stress, troppo ridotta o esagerata, con reazioni irregolari”.

Tutto sta a vedere, ora, se ciò che accade nel seme dei topi si ripete anche nel seme dell’uomo. I ricercatori sostengono quasi certamente si.

 

Quanti sei stressato? Scoprilo con il Test

Redazione Staibene

https://apach.com.ua

www.jaamboo.com.ua
}