• Sii sano

1.130 visite

Emorroidi e stipsi, no alle cure fa-da-te

Pomate, lassativi e fermenti lattici vanno prescritti solo dallo specialista. Dal 9 al 13 novembre check-up gratis in tutta Italia

Otto milioni di italiani sono colpiti dai disturbi intestinali causati da stress o disordini a tavola, fino ai problemi di pancia quotidiani. Fastidi collegati all’intestino che nel tempo diventano dolorosi e invalidanti. Basti pensare che di stitichezza soffrono 4 milioni di connazionali (tre volte più spesso donne) e 3,7 milioni di italiani (soprattutto uomini). Come si curano gli italiani? Il più delle volte con le cure fai-da-te, con pomate, lassativi, fermenti lattici e preparati più o meno naturali per cui nel nostro Paese si spendono almeno 200 milioni di euro l´anno. Il ricorso a queste cure, avvertono gli esperti della Siucp (Società italiana unitaria di colonproctologia), rischia di essere inutile se non dannosa.

I problemi più comuni
Per informare i cittadini e sdoganare problemi ancora tabù, la Siucp lancia la seconda campagna nazionale per la diagnosi e la cura di emorroidi e stipsi che partirà il 9 e terminerà il 13 novembre
"Obiettivo delle visite, semplici, rapide e indolori" spiega Antonio Longo, past president Siucp "è far emergere questi disturbi, di cui i cittadini parlano poco per pudore e perché spesso sono convinti che siano senza soluzione.

"Guarire da stipsi ed emorroidi è possibile", assicura l´esperto inventore di due interventi soft e mirati: una sorta di lifting della mucosa anale prolassata, spesso all´origine dei problemi. Risolvibili "soprattutto con l´aiuto del colonproctologo, uno specialista poco conosciuto in Italia”, osserva Angelo Stuto, neo presidente Siucp, “ma capace di formulare diagnosi precise e di indicare la terapia da seguire". Anche il medico di famiglia potrà svolgere un ruolo importante, indirizzando il paziente dallo specialista ed evitando le cure fai-da-te, cui si ricorre spesso per imbarazzo.

La campagna di informazione
La campagna della Siucp durerà da lunedì 9 a venerdì 13 novembre, coinvolgerà 106 centri specializzati della Penisola tra ospedali, cliniche e studi medici, che offriranno check-up gratuiti agli interessati.
L´iniziativa è patrocinata da Simg (Società italiana di medicina generale) e Cittadinanzattiva. Per conoscere la struttura aperta più vicina e prenotare il controllo si può telefonare al numero verde 800-776662 dal lunedì al venerdì, ore 10-13/14-18.

Redazione Staibene.it – ottobre 2009

Tag:
Redazione Staibene

https://agroxy.com

agroxy.com/prodat/oves-122/zakarpatskaya-obl
}