• Sii sano

7.681 visite

Fragole o ciliegie: cosa è meglio per la dieta?

Tutti i benefici (e le controindicazioni) delle fragole e delle ciliegie: depurative e salvacuore, dietetiche e capaci di dare lo sprint giusto. Tanta acqua, pochissime calorie. E l’organismo ringrazia.

Protagoniste della frutta di primavera, fragole e ciliegie hanno tutto quello che serve per essere considerate amiche della linea, del palato e della salute: tante vitamine, una buona dose di sali minerali, acqua. E proprietà benefiche per l’organismo a non finire. Insomma, se volete dimagrire senza perdere il gusto, disintossicarvi senza faticare, aiutare il vostro corpo ad affrontare al meglio la fatidica prova bikini, sono quello che fa per voi. In un ideale scontro al vertice tra fragole e ciliegie, chi vincerebbe? Il verdetto è tutto da scrivere…

 

Ciliegie: spezza-fame ideale, ok per depurarsi

Studi recenti hanno dimostrato come le ciliegie aiutino l’organismo a ridurre l’infiammazione delle articolazioni e a contrastare l’insorgenza dell’artrite reumatoide.

Per non dire delle proprietà benefiche per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie: ottime contro trigliceridi e colesterolo, contengono poco sodio e riducono quindi i rischi di crisi cardiache e ipertensione.

 

 

Leggi anche: Ecco i cibi che aumentano il colesterolo buono

 

E ancora: grazie agli antociani, sostanze che appartengono alla famiglia dei flavonoidi, hanno anche un effetto antidolorifico.

Il momento migliore per mangiare le ciliegie? A metà mattina o nel pomeriggio, come ottimi spezza-fame o ingredienti versatili per ricette sempre nuove. Essendo ricche di potassio – un sale minerale che fa bene ai muscoli perché contrasta i cali di energia e la stanchezza psicofisica – aiutano a ripartire alla grande.

 

 

Leggi anche : La frutta nella dieta quotidiana

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

steroid-pharm.com

https://buysteroids.in.ua

www.220km.com.ua
}