• Sii sano

1.030 visite

Natale e Capodanno: guida furba (e golosa) alla tavola delle feste

Come orientarsi tra le prelibatezze tradizionali senza rimetterci troppo la linea

Guida furba (e golosa) alla tavola delle feste

Pandoro o panettone?
Lo sappiamo tutti, il mondo dei golosi si divide tra gli appassionati del pandoro e i patiti del panettone. Ma a prescindere dal palato, come regolarsi se si volesse tenere conto degli effetti sulla bilancia? Partiamo da un presupposto: entrambi non sono propriamente alimenti adatti a chi deve tenere d’occhio il peso, ma un criterio “salva-linea” c’è ed è quello del calcolo delle calorie. Il pandoro ne apporta di più: in 100 g (pari a una fetta non troppo spessa) ce ne sono tra le 410 e le 470. CiA? significa che se siete in perfetta forma, potrete concedervene un paio di fette; chi invece litiga un po’ con la bilancia, potrà non farne a meno, a patto che si limiti a mezza fetta.
Quanto al panettone, il discorso è appena più confortante: in termini di calorie, 100 g del dolce tipico milanese ne apporta 330. Anche se in quantità inferiori rispetto al pandoro, contiene comunque grassi e colesterolo che lo rendono sconsigliato a chi in sovrappeso od obeso.

 

 

Come digerisci? Scoprilo con IL TEST

 

Torrone “bianco” o al cioccolato?
Altro dubbio amletico, dedicato agli amanti del torrone: incide meno sulla bilancia la versione classica, “bianca , o quella al cioccolato? Se avete problemi di peso, meglio orientarvi su quello tradizionale, tutto miele, mandorle, zucchero e albume d’uovo: apporta 479 calorie ogni 100 g, contro le 519 calorie di quello morbido alle nocciole e mandorle, ricoperto di puro cioccolato fondente. Già, meglio fondente: perchè quello al latte presenta una percentuale di colesterolo e grassi animali, da evitare se si è in lotta con i chili di troppo.

 

 

Tag:
Redazione Staibene

make-up.kiev.ua

https://apach.com.ua

http://agroxy.com
}