• Sii sano

4.125 visite

Controlliamo i nei: 5 falsi miti da sfatare

La fine dell’estate è il momento di fare un controllo sui nei della pelle.Quelli più grossi sono pericolosi? Ferirsi per sbaglio è rischioso? Come sfatare i miti sui nei.

Possono rendere più gradevole un viso oppure preoccuparci per forma e dimensione. Ma di sicuro, per la maggior parte delle persone i nei sono qualcosa di misterioso sulla nostra pelle. Cerchiamo di definire una volta per tutte quali sono le certezze, sfatando i tanti falsi miti legati a questi piccoli “ospiti” del corpo.

Le certezze

Dal punto di vista medico, sono agglomerati circoscritti di melanociti, le cellule del nostro corpo che producono la melanina (a cui si deve il colore della pelle). Di solito sono simmetrici, tondeggianti, con bordi ben definiti e colorazione omogenea, e non superano i 6 mm di diametro.

La maggior parte si trova sul nostro corpo fin dalla nascita. Altri compaiono subito dopo, altri ancora si formano invece da adulti. Il loro numero può oscillare da poche unità a diverse decine. Oltre che sulla pelle, i nei possono comparire sulle mucose (per esempio sulla bocca), sulle sclere (la parte bianca dell’occhio) e sotto le unghie. Una volta formati, di solito rimangono nello stesso punto, pur potendo variare nella forma, nelle dimensioni e nel colore.

Leggi anche: utto quello che devi sapere per evitare il peggio

Ed è proprio su questi punti che va focalizzata la nostra attenzione: ogni cambiamento di cui ci accorgiamo, per questi parametri, dev’essere un segnale di allerta. A questo punto, bisogna fare un piccolo autocontrollo o recarsi da uno specialista per scongiurare, tramite una visita dermatologica, che si tratti di qualcosa di più pericoloso di un semplice (e innocuo) neo.

Leggi anche: La mappatura dei nei dal dermatologo

I falsi miti sui nei

I luoghi comuniin materia di nei o “voglie” possono rallentare una diagnosi fondamentale. Ecco allora cosa bisogna sapere.

1) NON è vero che urti o ferite sono pericolosi.
I traumi esterni, anche se ripetuti, non influiscono sulla natura benigna o maligna del neo. 

2) NON è vero che un neo grosso e sporgente degenera in tumore.
È forse più fastidioso di quelli piccoli e piatti perché è più esposto agli urti, ma non è a rischio. Diverso discorso se le sue dimensioni sono il risultato di una crescita improvvisa: in questo caso, è opportuno rivolgersi in fretta al dermatologo. 

3) NON è vero che asportare un neo è pericoloso.
Anzi, è vero il contrario. Perché se il neo presenta anomalie o è semplicemente brutto, è bene toglierlo.

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

https://agroxy.com

Наша организация предлагает http://220km.net в любом городе.
В интеренете нашел нужный web-сайт на тематику https://sellmax.com.ua.
}