• Sii sano

2.774 visite

Infezioni e batteri? Arriva la vernice salva-vita

Infezioni e batteri? Arriva la vernice salva-vita che permette di proteggere le pareti di casa e degli ospedali da funghi, virus e batteri. Tutto quello che devi sapere.

Se finora la miglior cura e tutela della salute umana ce l’aspettavamo dalla medicina, dagli stili di vita, dalla prevenzione e dalle cure dei medici specialisti, ora le cose possono cambiare perchè al fianco di tutti questi protagonisti se ne aggiunge uno che non ti aspetteresti: l’industria delle vernici.

Saranno dunque i pittori e le imprese di ristrutturazione edilizia i nuovi guru della salute?

Non siamo nè pazzi nè burloni  e la realtà è esattamente quella che  stiamo descrivendo perchè,  dopo essere stata scoperta circa sei anni fa, ora arriva in commercio una vernice in grado di uccidere batteri, funghi, virus e altri organismi dannosi per la salute.

Per cui potremo dipingere le pareti di casa, non più solo secondo  la scelta del colore che più ci piace, ma anche in base alla capacità antibatterica ed antimicrobica della vernice usata che servirà a tenere  i nostri anziani ed i nostri bambini ( oltre che noi stessi) al riparo da molte malattie infettive.

Già poco prim del 2009, un´équipe di scienziati della , Stati Uniti, aveva inventato una nuova molecola, il Cl-TMPM, che uccide i germi e può essere aggiunta alle marche commerciali di pittura per conferire proprietà antimicrobiche di lunga durata a questi prodotti.

A temperatura ambiente, il Cl-TMPM è un olio incolore. Quando delle gocce di Cl-TMPM sono sospese in un´emulsione di lattice a base di acqua, l´emulsione può essere mescolata alla vernice.

Gli esperimenti condotti con la vernice così ottenuta sono pubblicati sulla rivista dell´American Chemical Society, “Applied Materials & Interfaces”.

Lo stafilococco aureo è stato ucciso in 10 minuti dal contatto con la nuova miscela, mentre per l´Escherichia coli ne sono stati sufficienti 5.

Leggi anche: Escerichia coli: 8 regole per difendersi dal batterio killer

La pittura trattata con il Cl-TMPM si è dimostrata efficace persino con i super-batteri come l´Mrsa. Gli scienziati hanno anche provato ad attaccare la vernice con la muffa, ma la Cl-TMPM è risultata repellente.

Le vernici anti-microbiche attualmente in commercio sono efficaci solo contro una piccola gamma di organismi, mentre il Cl-TMPM è risultato inattaccabile simultaneamente da batteri, virus, muffa e funghi. Inoltre, l´effetto anti-microbico della nuova vernice è durato per più di un anno.

Quanti tipi di vernici salva-vita esistono

Il termine antibatterico viene abusato ed utilizzato impropriamente sempre più ; sono da considerarsi propriamente antibatteriche tutte quelle vernici che sono un vero e proprio presidio medico chirurgico,  la cui funzione principale, cioè è quella di aggredire situazioni compromesse esistenti e distruggere tutto quello che può danneggiare l’uomo, ad esempio muffe, acari, germi e batteri.

All’interno di quest’immensa categoria rientrano ad esempio i prodotti murali che contengono sostanze antibatteriche anti-muffa, i prodotti utilizzati nel settore del legno come anti-fungo, o ancora tutti quei prodotti che sono iscritti nel settore tessile come anti-acaro; tuttavia, le vernici antibatteriche devono poter svolgere la loro funzione aggressiva senza venire a contatto con l’uomo, motivo per il quale esse sono soggette a numerose limitazioni e necessitano di specifiche autorizzazioni.

Leggi anche: I batteri preferiscono le mani delle donne

Esistono poi vernici che contengono sostanze con funzioni antimicrobiche, le quali, una volta applicate sui manufatti, oltre a svolgere la funzione primaria di protezione e nobilitazione del pezzo trattato impediscono che al contatto umano si possa innescare una proliferazione di germi; le più utilizzate sono quelle a base di argento, le quali, inglobate nella vernice, creano una condizione sfavorevole alla proliferazione di germi.

Sia per le prime che per le seconde, occorre però fare attenzione: se deciderete di utilizzarle   occorre ricordare che l’unica certificazione valida non è quella relativa alle vernici antibatteriche, ma quella che deve essere effettuata sui manufatti finiti, così come recita l’articolo 58 della nuova Normativa 528-2012, per cui è obbligatorio far testare il prodotto finito per definire il prodotto antibatterico.

Tag:
Redazione Staibene

Был найден мной нужный сайт , он рассказывает про Купить Дапоксетин дапоксетин купить в киеве
оптимум нутришн супер амино

https://agroxy.com
}