• Sii sano

870 visite

Il lifting è più dolce se è a impulsi di energia

Niente più bisturi e sonde: una nuova tecnica sfrutta le radiofrequenze per il ritocco al viso o per combattere la cellulite

La chirurgia estetica spaventa molte persone per la sola idea del bisturi. All’ultimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime) che si è svolto nel 2010 è stato presentata una nuova tecnica che sfrutta le radiofrequenze per la lotta agli inestetismi della pelle: rughe, smagliature, cellulite, ma anche cicatrici, acne e via elencando.

L’efficacia della radiofrequenza

La nuova tecnica si chiama Endymed e agisce direttamente sui meccanismi cellulari con impulsi di radiofrequenze di terza generazione. Senza bisturi, aghi e cannule e senza sofferenza. “Questa metodica”, spiega il professor Daniel Cassuto, professore di Chirurgia Plastica presso l’Università di Catania, “approvata nel 2010 dall’FDA americana, sfrutta il potere dell’energia della radiofrequenza che attraversando gli strati superficiali e profondi del derma si converte in energia termica in grado di contrarre e riallineare le fibre collagene determinando una retrazione cutanea con un immediato effetto tensorio. La pelle diventa più tonica, soda, compatta e luminosa grazie al richiamo di fluidi. Nello stesso tempo, l’azione termica stimola l’organismo a produrre nell’arco dei 2-6 mesi successivi nuovo collagene.

Come funziona
La nuova metodica utilizza un manipolo con una serie di elettrodi che viene fatto scorrere sulla pelle erogando energia : i livelli profondi del derma si riscaldano gradualmente, mentre la superficie rimane ad una temperatura massima di 40 gradi. La sicurezza è garantita da sensori che monitorizzano la quantità di energia e la temperatura trasferita nei tessuti.
Un ciclo completo di trattamento prevede 6 sedute – 4 settimanali e due nel mese successivo e i risultati si mantengono dai 12 ai 24 mesi. Il trattamento della durata di 15 – 45 minuti – in base all’ampiezza della zona – è indolore, non richiede anestesia e può essere effettuato su tutti i fototipi di pelle e su quella abbronzata, senza limiti stagionali. E subito dopo, la persona può esporsi al sole. I risultati sono immediati, resta giusto un lieve rossore, che scompare nel giro di poche ore”.

Le zone che possono essere trattate
Le aree del corpo che possono essere trattate dalla tecnica Endymed sono fronte, contorno occhi, il contorno della bocca e del naso. Ma i risultati riguardano anche i cedimenti delle guance e le rughe
tipiche a parentesi che le segnano, collo e décolleté, il lato interno delle braccia, il dorso delle mani, l’addome, i fianchi, l’interno cosce e i glutei (classici punti a rischio cellulite).

Le controindicazioni
La tecnica Endymed è controindicata in portatori di pace maker o di grosse protesi metalliche, in gravidanza, collagenopatie, neuropatie sensorie e cute lesa da traumi o infezioni.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

https://apach.com.ua

дапоксетин отзывы

best-cooler.reviews
}