• Sii sano

1.714 visite

L’anti infiammatorio è scaduto? La soluzione è l’olio d’oliva

Una ricerca americana riscopre le doti analgesiche dell’olio extravergine, ”re” della dieta mediterranea

Le vostre scorte di  anti infiammatorio sono terminate ?  Il  Nurofren, farmaco che avevate nel vostro armadietto, per esempi è scaduto?

Niente paura: l’importante è che in cucina ci sia dell’olio di oliva.
Proprio così: secondo una recente ricerca americana, il condimento principe della dieta mediterranea avrebbe caratteristiche identiche a quelle di uno dei più diffusi principi attivi antidolorifici e antinfiammatori, l’ibuprofene.

Cos’è l’ibuprofene

L’ibuprofene  di cui l’olio vergine di oliva è un ottimo sostituto,  è un farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) originariamente commercializzato come Brufene da allora sotto vari altri marchi.
È usato per il sollievo dei sintomi di artrite, dismenorrea primaria, febbre e come un analgesico, soprattutto dove c’è una componente infiammatoria.

Come tutti i farmaci da banco, per quanto, in genere, ben tollerato a basse dosi e assunzioni di breve durata, può creare dei disturbi.
I più importanti sono i disturbi allo stomaco come pirosi gastrica, nausea o vomito,  le vertigini, la  ritenzione idrica, l’Intorpidimento.

Perché l’olio d’oliva è una alternativa naturale

Un componente dell’olio d’oliva, l’oleocanthal, agisce contro gli enzimi ciclossigenasi nella stessa maniera dell’ibuprofene.

La scoperta è interessante soprattutto per tutte le malattie croniche in cui l’infiammazione gioca un ruolo determinante.

Così come l’aspirina o l’ibuprofene, l’olecanthal, a piccole dosi quotidiane, potrebbe ridurre i rischi di malattie cardiovascolari, contribuire alla terapia di alcune forme di tumori, e aiutare l’organismo in diversi altri problemi collegati alla vecchiaia.

Le sostanze che rendono prezioso lolio d´oliva

Nell´olio d’oliva ci sono preziosissime sostanze come squalene, fitosteroli e tocoferoli, emolliente e protettivo per l´epidermide e grazie a particolari acidi grassi, come il linoleico e il linolenico, vitamine (K, A, E, D) e composti fenolici. Risulta anche un ottimo antiossidante e anti radicali liberi, quelli responsabili dell’invecchiamento della pelle.

Ma può essere utilizzato anche per liberare le orecchie dal cerume e alleviare i dolori muscolari.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

}