• Sii sano

2.891 visite

Lo sviluppo cognitivo del neonato

Durante il primo anno di vita, il cervello del bambino raddoppia di peso

lo sviluppo cognitivo del bambino

In questa sezione del sito vengono ripercorse tutte le tappe principali dello sviluppo intellettivo del bambino, dalle prime ore di vita fino a cinque anni d’età per offrire una panoramica  che dia ai genitori e principalmente alle mamme alcuni riferimenti condivisi sulle tappe della crescita in questo specifico ambito dello sviluppo.

Cominciamo dalla prima osservazione.
Durante il primo anno di vita, il cervello del bambino raddoppia di peso. L’aumento ponderale è dovuto in parte all’aumento del numero di cellule cerebrali e in parte alla crescita di collegamenti fra le cellule e fra le diverse parti del cervello. Senza questi collegamenti non possiamo pensare ed è grazie ad essi che inizia l’apprendimento. I collegamenti in un neonato cominciano a formare una rete quando il bambino s’interessa a qualcosa e compie uno sforzo mentale. E questo il vostro bambino lo fa quando i suoi sensi vengono stimolati: quindi, dal momento della nascita, suoni,  immagini, contatti, sensazioni, odori e sapori provocano la formazione di nuovi collegamenti. Lo sviluppo della comprensione generale comporta l’accostamento di più parti. Vista, udito, memoria e capacità motoria debbono confluire perché la crescita mentale possa progredire. L’intelletto dipende dai sensi e dal movimento del corpo perché il bambino capisca ciò che avviene intorno a lui. Ad esempio, senza la vista, un bambino non può vedere un giocattolo; senza la memoria, un bambino non verrà stimolato dal suo giocattolo preferito; senza il coordinamento cervello/muscolo, un bambino non può allungare il braccio verso il giocattolo; senza il coordinamento mano/occhio un bambino non può afferrare il giocattolo; senza tenere il giocattolo e giocare con esso, un bambino non può formarsi un concetto di ciò che è un giocattolo. Molte capacità cerebrali e corporee progrediscono a mano a mano che aumenta la comprensione generale e i fattori determinanti di quest’ultima sono la socievolezza, la personalità del bambino e l’ambiente che gli create. Potete aiutare il cervello del vostro bambino a crescere e a svilupparsi fornendogli gli stimoli spiegati nelle schede ed è importante che lo facciate soprattutto nel primo e poi nuovamente nel terzo anno di vita, periodi entrambi in cui il cervello compie il maggiore sforzo di crescita.

Neonato

neonatoGià appena nato, il bambino inizia ad apprendere: a 1 giorno, ascolta e sa stare sveglio, a 3, reagisce ala voce e ha uno sguardo attento; a 9 volge gli occhi verso i suoni; a 14 riconosce la madre; a 18, emette versi e volge la testa ai suoni, a 24 giorni ha un suo vocabolario e fa movimenti con la bocca mentre la mamma gli parla.
Come aiutarlo a crescere

  • Rispondete a tutti i suoi suoni e segnali. Parlategli facendogli vedere i movimenti che fate con le labbra.
  • Il suo campo visivo è limitato ai 20-25cm: dunque tenete il viso e ogni altro eventuale oggetto (meglio se colorato) che volete mostrargli entro questo raggio. Muovete le dita, giocando.

Stimolate i suoi sensi
Parlategli e cantate canzoncine, tenetelo stretto in braccio e cullatelo, mostrategli colori e forme a distanza ravvicinata

4 Settimane

4 settimaneA 4 settimane  d’età il  bimbo comprende il meccanismo della conversazione ed apre e chiude la bocca a imitazione di essa. Assumerà questi atteggiamenti allo stimolo uditivo della vostra voce; si acquieterà se il tono sarà dolce e suadente; si agiterà se è aspro o troppo elevato.
Come aiutarlo a crescere

  • Alimentate il suo senso del ritmo, assumendo tonalità cantilenanti, cullatelo al suono delle ninnenanne.
  • Ridete spesso. Esprimetevi col corpo:tenetelo stretto ma fatelo oscillAae e dondolatelo ritmicamente; sedete su una sedia a dondolo.

Assecondate il senso del ritmo
Parlategli cantilenando, canticchiate ninnenanne e recitate filastrocche, dondolandolo e cullatelo ritmicamente.

.

6 Settimane

cognitivo_03A 6 settimane  d’età il  bimbo vi sorriderà e scuoterà la testa quando gli parlate; alle voci note reagirà con lievi suoni gutturali.

Come aiutarlo a crescere

  • Il bimbo è tutto concentrato su di voi: perciò assumete espressioni animate e tenete uno stretto contatto visivo con lui.
  • Per catturare il suo interesse, muovete le dita e i giocattolini all’interno e all’esterno del suo orizzonte visivo, parlategli alternamente da un lato e dall’altro.

Risvegliate la sua attenzione
Mantenete uno stretto legame visivo e assumete varie espressioni quando gli parlate; fategli pervenire la vostrea voce anche lateralmente.

8 Settimane

8 settimaneA 8 settimane  d’età  il bambino sorride prontamente e spesso. Mostra interesse per ciò che lo circonda, guarda in direzione dei suoni e dei movimenti e fissa a lungo gli oggetti, come se volesse afferrarli con gli occhi.

Come aiutarlo a crescere

  • Rendete interessante l’ambiente sollevandolo sui cuscini e circondandolo di oggetti colorati.
  • Mettete qualcosa di mobile e uno specchio nel suo lettino o nella carrozzina e offritegli una varietà di piccoli giocattoli morbidi.
  • Cantategli delle canzoncine.
  • Mostrategli le sue mani.

Rendete stimolante l’ambiente
Dopo averlo sollevato sui cuscini, disponetegli tutto attorno oggetti vivacemente colorati che possa osservare.

12 Settimane

12 settimaneA 12 settimane  d’età il bambino comincia a capire il proprio corpo, lo guarda e muove le dita. Risponde alla conversazione con movimenti della testa e delle labbra, con sorrisi, rumori, gridolini e altre espressioni di piacere. Compie movimenti eccitati.

Come aiutarlo a crescere

  • Rispondete al suo comportamento con segni di piacere esagerati, teatrali.
  • Recitate i versi delle canzoncine.
  • Fate semplici giochi fisici: scuotetelo gentilmente, piegategli le ginocchia, tirate le braccia, solleticate i piedi.
  • Dategli giocattoli di peso e materiale diverso, che sia in grado di osservare e toccare.

Mostrate evidente piacere
Accogliete tutti gli atteggiamenti del bimbo versi, movimenti, espressioni, con lodi gioiose e apprezzamenti.

16 Settimane

16 settimaneA 16 settimane  d’età la curiosità del bimbo è sempre più evidente. E’ interessato a nuovi giochi, suoni, luoghi, persone e sensazioni. Riconosce anche oggetti e luoghi familiari e capisce le routine. Si agita alla vista del seno o del biberon e comincia a rivelare un senso dell’umorismo. Gli piace potersi guardare attorno sollevato sui cuscini.
Come aiutarlo a crescere

  • Assecondate il suo senso dell’umorismo ridendo con lui e partecipando ai suoi scherzi.
  • I giocattoli insegneranno molto al bambino: offritegliene dunque molti di dimensioni, forme e materiali diversi da usare in modo diverso.
  • Accertatevi che alcuni giocattoli producano dei rumori.
  • Alimentate la sua curiosità.

Sollecitate la sua curiosità
Ampliate le sue esperienze parlandogli di ciò che vedete e fate. Aggiungete molti particolari su ogni oggetto o attività.

.

20 Settimane

20 settimaneA 20 settimane  d’età il bambino ama i giochi, compresi gli schizzi nell’acqua. Mostra maggiore capacità di concentrazione, osservando le cose più a lungo. Sorride a se stesso nello specchio, gira la testa verso i suoni e comincia a muovere le braccia e le gambe per attirare l’attenzione, batte il biberon con le manine.

Come aiutarlo a crescere

  • Perchè possa imparare che rispondete alle sue richieste e che voi siate una fonte di aiuto e di conforto, reagite quando cerca di attirare con dei suoni la vostra attenzione, girandovi, guardandolo negli occhi e andando verso di lui.
  • Presentategli tutti gli estranei.
  • Usate il suo nome ogni volta che potete.

Fate quanti più giochi potete
Il “gioco del cucù”, il cavalluccio, “piazza bella piazza”, “batti le manine” e tutti gli altri giochi gli piaceranno molto. Ridete con lui più che potete.

24 Settimane

24 settimaneA 24 settimane  d’età il bambino emette suoni e gridolini per attirare la vostra attenzione, si eccita sentendo arrivare qualcuno e comincia a sollevare le braccia per farsi prendere e coccolare. Parla e sorride alla sua immagine nello specchio e fa bolle di saliva. Comincia a mostrarsi timido con gli estranei, può dar segno di paura a rumori e oggetti nuovi e preferisce o rifiuta alcuni cibi.

Come aiutarlo a crescere

  • Giocate a far cadere un oggetto e a ridarglielo e altri giochi di dare-e-prendere.
  • Usate in continuazione il suo nome perchè si formi il senso della capacità di far accadere e cambiare le cose, fategli vedere le azioni e i loro risultati. Ad esempio, spingete una palla e ditegli che rotola.

Prestategli attenzione
Quando il bimbo mostra di volervi, andate da lui stendendo le braccia, chiamatelo per nome e fategli capire che state arrivando

28 Settimane

28 settimaneA 28 settimane  d’età il bimbo inizia a conversare ed emette molti suoni riconoscibili. Sa il suo nome, allunga le braccia per farsi prendere in braccio e dimostra la sua indipendenza cercando di mangiare da solo. Comincia ad imitare cose semplici e prevede la ripetizione.

Come aiutarlo a crescere

  • Mostrategli la sua immagine riflessa nello specchio eo ditegli il suo nome in modo che possa sviluppare un concetto di sè. Sottolineate: “Quella è Susanna, questo sei tu”, in modo che assuma coscienza di sè e degli altri. Dite:”No!” per far capire una negazione.
  • Ripetete tutti i suoni come ba, da, e ca.
  • Incoraggiatelo a mangiare da solo con alimenti adatti ad essere portati alla bocca con le dita.

Stimolate il suo senso dell’io
Mostrategli il suo riflesso in uno specchio. Additateglielo e dite a voce alta il suo nome. Usate il suo nome il più spesso possibile.

32 Settimane

32 settimaneA 32 settimane  d’età il bambino comincia a capire il significato delle parole e sa che cosa vuol dire “no”. Comincia a dar segni di decisione, come muoversi verso giocattoli che sono fuori della sua portata. Da prova di un forte interesse per i giochi e si concentra intensamente sui suoi giocattoli. Si guarderà attorno per cercare un giocattolo caduto.

Come aiutarlo a crescere

  • Fate molti giochi con l’acqua. Dategli vasi, barattoli e brocche.
  • Mettete i giocattoli fuori dalla sua portata e portateglieli quando ve li chiede.
  • Fate giochi come “batti le manine”.
  • Fatelo mangiare da sè.

Fate molti giochi con l’acqua
Molti oggetti domestici, oltre agli appositi giocattoli comunemente in vendita, consentono diverse attività nel bagnetto

36 Settimane

36 settimaneA 36 settimane  d’età il piccolo riconosce giochi e rime familiari, ride al momento giusto e può prevedere i movimenti. Gira la testa sentendo il suo nome, allunga le mani per farsele lavare, ma gira la testa davanti all’asciugamano.

Come aiutarlo a crescere

  • Abituatelo alla routine, in modo che capisca che la vita si basa sulla quotidianità. Spiegate ciò che state facendo: “E’ ora di mangiare. Prima mettiamo il bavaglino, poi ti siedi nel seggiolone, poi la mamma ti porta la pappa, mm, che buona pappa…”.
  • Fornitegli dei giocattoli rumorosi e/o permettetegli di giocare con utensili da cucina non pericolosi.

Spiegate sempre la routine
Al momento dei pasti, del bagno o della nanna spiegate ciò che state facendo insieme

40 Settimane

40 settimaneA 40 settimane  d’età il bambino sta abituandosi alla routine, saluta con le mani e solleva un piede per prendere una calza, ad esempio. Sa cosa sono una bambola o un orsacchiotto e li accarezza. Ricorda benissimo il gioco “batti le manine”. Si guarderà attorno per cercare un giocattolo o il papà se voi chiedete: “Dove è papà?”.

Come aiutarlo a crescere

  • Dategli giocattoli che facciano rumore, come trombette e campanelle.
  • Dategli una bambola morbida e mostrategli come vestirla e svestirla. Fornitegli dei giocattoli rumorosi e/o permettetegli di giocare con utensili da cucina non pericolosi.
  • Fate cadere e poi riprendete dei giocattoli, giocate a nascondino e fate “il gioco del cucù”.
  • Mostrategli come mettere e togliere le cose dai contenitori.

Osservate insieme i libri
Scegliete libri gioco con grandi illustrazioni e dedicate, ogni giorno, un momento tranquillo alla “lettura”.

44 Settimane

44 settimaneA 44 settimane  d’età il vostro bambino è in grado di dire una parola comprensibile. Può mostrarvi degli oggetti in un libro, ma non si concentra a lungo. Continua far cadere giocattoli fuori dal seggiolone o dal passeggino, poi li cerca e chiede che glieli prendiate. Sta cominciando a capire il dentro e il fuori, il qui e il là.

Come aiutarlo a crescere

  • Leggete tipi di libri.Cercate di aumentare la sua concentrazione raccontandogli una storia semplice e illustrata.
  • Giocate a “battere le manine” e mostrategli come si fa.
  • Continuate a dimostrare il rapporto di causa e di effetto. Fate cadere una torre di cubetti e dite:”Tutto caduto”.

Indicate gli oggetti
Dite il nome di diversi oggetti sulla pagina di un libro o di una rivista, accompagnando le illustrazioni con il ditino del bimbo.

.

48 Settimane

48 settimaneA 48 settimane  d’età il piccolo ha un interesse intenso per libri e oggetti che vede sulle pagine e gli piace che gli vengano additati. Continua a ripetere il loro nome. Gli piacciono gli scherzi e farà di tutto per strapparvi una risatina, come ripetere di versi e dei gesti che vi fanno ridere. Scuote la testa per dire “no”

Come aiutarlo a crescere

  • Concentratevi su nomi di oggetti e di parti del corpo. Ripeteteli in continuazione. Fate azioni che possa imitare. Dimostrategli apprezzamento per ogni risposta.
  • Raccontate delle “storie” per creare delle scenette; descrivete delle azioni in sequenza in modo che il bambino impari a rapportarsi al mondo quotidiano.

Aiutate il bambino a imitarvi
Indicate il vostro naso. Dite: “Questo è il naso della mamma”.Prendetegli il dito, puntatelo sul suo naso e ditegli: “Questo è il naso di Paolo

1 Anno

1 annoA 1 anno  d’età il bambino sa tutto sulle coccole e dimostra un ampio repertorio di emozioni. Solleva una bambola, ve la porge e la lascia andare. Dice due o tre parole dotate di significato, può riconoscere un oggetto in un libro e indicarvelo. Comincia a rispondere a domande semplici.

Come aiutarlo a crescere

  • Per stimolare l’immaginazione e la formazione di concetti astratti, cominciate a leggere brevi storie.
  • Incoraggiatelo a dimostrare affetto; fategli accarezzare la bambola e il cane, baciare la mamma, mettere le braccia al collo di papà.
  • Descrivete le vostre azioni mentre gli fate vedere come ci si mettono le calze o ci si leva il cappotto.

Leggete storie semplici
Le storie sui cuccioli degli animali e sulle loro mamme piacciono ai bambini e li aiutano ad imparare i versi degli animali

15 Mesi

15 mesiA  15 mesi  d’età il bambino conosce parti de suo corpo, alcuni oggetti di un libro, può imitare il verso degli animali e cercherà di togliersi i vestiti, se glielo chiedete. E’ in grado di raccogliere e di trasportare oggetti semplici. Ha acquisito il concetto di “caninità”, cioè sa che la fotografia di un cane, un giocattolo a forma di cane o un vero cane sono tutti cani.

Come aiutarlo a crescere

  • Dategli piccoli compiti semplici per stimolare il suo senso dell’avventura e di conquista. Incoraggiatelo ad aiutarvi nei vostri lavori domestici, come riordinare e mettere le cose a posto.
  • Aiutatelo a mettere insieme le parole per costruire semplici frasi di tre/quattro parole.
  • Introducete il concetto di proprietà: “Quella è la palla di Marco, la tua palla”

Lavoro per un risultato
Lasciate che vi aiuti. Compiti facili come riordinare sono nelle sue capacità e incoraggiano un senso di orgoglio.

18 Mesi

18 mesiA  18 mesi  d’età il piccolo può riconoscere alcuni oggetti su una pagina e ve li indicherà se dite il loro nome. Può tentare di svolgere alcuni compiti e cercherà di imitare le vostre azioni. E’ in grado di svolgere operazioni che richiedono giudizio e memoria (per esempio: “Va a prendermi il tuo orsacchiotto”).

Come aiutarlo a crescere

  • Lo sviluppo del linguaggio dipende dalla memoria e dalla comprensione. Incoraggiate l’apprendimento attraverso la ripetizione e parlategli in situazioni come: “Ma dov’è? In bagno. Eccolo qui. Prendilo”.
  • Insegnategli il pronome possessivo: “Questa è la mia mela, quella è la tua mela”.
  • Fategli conoscere tante forme diverse.

Ripetere sempre
Ogni volta che fate qualcosa ripetete più volte alcune frasi chiave. “Sofia ha una mela. Sì, Sofia ha una mela”

21 Mesi

21 mesiA  21 mesi  d’età il vostro bambino può chiedere cibo, acqua, giocattoli e di venir messo sul vasino. Può svolgere compiti semplici e sta cominciando a interpretare richieste più complicate, come: “Per favore prendila la tua spazzola in bagno”. Può afferrare il vostro braccio o usare altri gesti per attirare la vostra attenzione.

Come aiutarlo a crescere

  • Descrivete le proprietà di ogni cosa, ad esempio: gli uccelli e gli aerei volano, le macchine corrono facendo “brrrr”, la colla è appiccicosa; la pelliccia è morbida, i palloni sono rotondi e rotolano, i cubetti sono quadrati e non possono rotolare.
  • Descrivete sempre i colori.
  • Introducete ala conoscenza degli opposti, come ruvido e liscio.
  • Cominciate a usare i numeri.

Descrivete le proprietà delle cose
Quando mostrate qualcosa al piccolo, ditegli se è duro o morbido, di che colore è, se fa rumore, se emette suoni, etc.

2 Anni

2 anniA  2 anni  d’età il bambino ha un vocabolario di nomi e di oggetti che cresce rapidamente e può descrivere le proprietà degli oggetti più familiari e identificarle. Può ubbidire a ordini complessi e sarà in grado di trovare un oggetto con cui ha giocato in precedenza. Parla ininterrottamente e ogni tanto fa delle domande.

Come aiutarlo a crescere

  • Mostrate come si usano alcuni strumenti semplici, come una paletta o un martello.
  • Presentategli altri bambini, ma non costringetelo a giocare con loro
  • Dategli matita e colori e incitatelo a disegnare.
  • Leggetegli storie più lunghe e più complicate e fiabe.
  • Mantenete sveglio l’interesse per la musica con canzoncine e con cassette di musica.

Stimolatelo a capire lo spazio
Aiutatelo a disporre i vari cubi, rettangoli e quadrati nei giusti ricettacoli degli appositi giochi, commentando il lavoro.

2 Anni e mezzo

2 anni e mezzoA  2 anni e mezzo  d’età il bambino comincia ad aggiungere dei particolari a concetti più generali (ad esempio il cavallo ha una lunga coda). Conosce una o due poesiole ed è in grado di trovarle in un libro. Identifica più colori, qualche numero e può contare magari fino a tre. Conosce il suo nome. Comincia a domandare “Perchè?” e dice “No, non si può, non si deve”.

Come aiutarlo a crescere

  • Dategli un gioco di pazienza composto di molti pezzi, che rappresenti, ad esempio, una fattoria: usatelo per contare mucche, pecore, maiali, bambini.
  • Incoraggiatelo a disegnare oggetti famigliari e ha notare sempre nuovi particolari. Invitatelo a disegnare e colorare.
  • Raccontate fatti già avvenuti per rafforzare la sua memoria.

Giocate con i numeri
Introducete dei numeri in tutto. Contate gli oggetti mentre giocate, fate le compere, lo vestite o dite cosa dovete fare.

3 Anni

3 anniA  3 anni il bambino chiede in continuazione: “Cosa?”, “Dove?”, “Come”. Sa contare fino a dieci e costruire strutture complesse con i cubi. Sa vestire la bambola e gli piacciono i giochi che imitano la realtà. Ha buona memoria e sa riferirsi al passato. Sa di essere un maschietto o una femminuccia.

Come aiutarlo a crescere

  • Lavorare sulla sua memoria, ricordandogli cosa avete fatto in passato:”Ieri siamo andati al supermercato, ti ricordi?”.
  • Quando incontra una difficoltà dite:”Posso aiutarti?”, e fategli vedere come si fa.
  • Raccontate delle storie di cui sia il protagonista principale.
  • Aumentate il numero dei libri e delle storie che leggete.

Stimolate l’autonomia
Incoraggiatene l’indipendenza chiedendogli che vestiti vuole mettersi e  cosa vuole mangiare.

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

http://xn--80adrlof.net

https://www.pills-generic.com

www.arbud-prom.com.ua
}