• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

732 visite

Lotta all’Aids, le prospettive per il futuro

Sono soprattutto tre le sfide che la lotta all’Aids oggi pone alla comunità scientifica e sanitaria del mondo occidentale:

1) arginare la diffusione dell’infezione da HIV per via sessuale soprattutto in popolazioni a più elevata vulnerabilità;
2) ottimizzare l’utilizzo della terapia antiretrovirale allo scopo di migliorarne l’efficacia a lungo termine e l’aderenza;
3) perfezionare la gestione clinica del paziente per contrastare gli effetti indesiderati dei farmaci e le malattie cronico-degenerative nel paziente che invecchia.

I vantaggi della terapia antiretrovirale combinata con nuovi farmaci, alcuni dei quali basati su nuove modalità di azione, come gli inibitori delle integrasi e gli antagonisti del recettore CCR5. Gli inibitori delle integrasi agiscono inibendo l’inserimento del DNA del virus nel DNA delle cellule umane e quindi ne bloccano la riproduzione.
Gli anti-CCR5 invece agiscono bloccando una proteina denominata CCR5, presente sulla superficie delle cellule di un paziente con infezione da HIV e che funziona da chiave per far entrare il virus HIV nelle cellule. Attaccandosi alla proteina, questi farmaci impediscono al virus di infiltrarsi nelle cellule.

Ma la vera speranza è tutta italiana: annunciata a fine ottobre 2008, arriva dai ricercatori del Cnr e dell’Università di Siena, che hanno scoperto una molecola in grado di bloccare l´infezione. Il suo bersaglio infatti è un enzima cellulare, la terapia attuale si basa invece su molecole dirette contro enzimi virali. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica "Journal of Medicinal Chemistry".

"Il virus Hiv è un parassita delle cellule umane, non essendo in grado di riprodursi al di fuori dell´organismo infetto”, ha chiarito Giovanni Maga dell´Igm-Cnr, “si introduce nella cellula colpita dall´infezione e la spoglia delle sue risorse nutritive ed energetiche per duplicare il proprio genoma e costruire nuovi virioni. Al termine di questo processo di spoliazione, i nuovi virus escono dalla cellula, la quale, esaurite le sue energie, muore".
Il virus Hiv, all´interno della cellula infetta, assume il controllo di numerosi enzimi cellulari, distraendoli dalle loro normali funzioni e costringendoli a lavorare per dare vita a nuove particelle virali.
"Uno di questi enzimi è la proteina cellulare DDX3, che normalmente interviene nella produzione delle proteine cellulari, facilitando il flusso di informazione genetica tra il nucleo (dove l´informazione viene custodita) e il citoplasma (dove l´informazione viene tradotta in nuove proteine). Il virus Hiv si inserisce in questo circuito e fa sì che DDX3 trasporti solo l´informazione genetica virale, per massimizzare la produzione di proteine virali a scapito di quelle cellulari. Quindi DDX3 è un cofattore essenziale per la riproduzione del virus all´interno delle cellule umane".
E da qui che sono partiti gli studiosi per disegnare una molecola ad hoc per la proteina DDX3, che, sintetizzata e poi provata nei test biologici, si è rivelata capace di ostacolare l´azione di DDX3, bloccandola.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}