• Sii sano

706 visite

Malattie infettive e bambini: come affrontare il rischio contagio del “Nido”

Le 3 regole universali dettate dai pediatri

 

Per placare le ansie dei genitori i pediatri hanno elaborato un vademecum di consigli per mamme ansiose che prescrive almeno 3 regole obbligatorie da seguire:
– lavaggio frequente delle mani;
– utilizzo strettamente individuale di salviette, spazzolini da denti, pettini, biancheria, scarpe e cappelli;
– detersione e sanificazione di giochi che possono essere imbrattati di saliva.

Queste 3 precauzioni ‘ dicono i pediatri ‘ servono ad interrompere la catena epidemiologica di importanti malattie infettive indipendentemente dalla loro insorgenza.

 

 

Quali sono le malattie in agguato al Nido?

 

Il morbillo
IlàmorbilloàA? una delle malattie infettive più frequenti tra iàbambini da 1 a 3 anni, ma anche durante le scuole elementari. Ha una durata breve ed è causata da un virus del genere morbillivirus, della famiglia deiàParamixovidae. Il morbillo si trasmette per via aerea, tramite secrezioni nasali e faringee.
La prevenzione del morbillo si fa attraverso la somministrazione di un appositoàvaccinoàin 2 dosi: la prima entro i primi 24 mesi di vita (preferibilmente fra il 12à e il 15à mese) e la seconda verso i 5-6 anni o gli 11-12 anni.

 

Leggi anche: Cos’A? il morbilloàà

 

La parotite o orecchioni
Si contrae laàparotiteàa causa di un virus trasmesso prevalentemente per via aerea.
La malattia si manifesta inizialmente con mal di testa, dolore ai lati del collo, sotto le orecchie, fastidio quando si mastica o si deglutisce. Talvolta i sintomi sono accompagnati da febbre e sempre dall’ingrossamento di entrambe le ghiandole salivari (parotidi).

Leggi anche: Tutto sugli orecchioni

La rosolia
LaàrosoliaàA? una malattia esantematica contagiosa che può essere contratta anche in età adulta.
I sintomi della rosolia (una macchia di colore rosaàdietro la nuca e il collo, che si diffonde poi su tutto il corpo) sono visibili per un periodo di 5-10 giorni e di solito sono molto lievi, tanto che ha volte la malattia è del tutto asintomatica.

Leggi anche: Tutto sulla Rosolia

La scarlattina
LaàscarlattinaàA? causata dal batterio dello Streptococco Beta-emolitico di gruppo A che colpisce le vie respiratorie. A?àl’unica, insieme alla quarta malattia, a non essere virale.
I più esposti sono i bambini in età scolastica. Il contagio avviene per via aerea o tramite il contatto diretto con muco e saliva. Durante i primi giorni di malattia i sintomi sono febbre elevata, brividi, mal di testa, infiammazione della faringe, nausea e vomito.
La lingua si ricopre di una patina bianca al primo giorno di infezione che durerà soltanto 4-5 giorni. Desquamandosi la patina bianca, il malato rivelerà una lingua rosso vivo e papille marcate.
La seconda fase è caratterizzata da eruzione cutanee con bolle, pustole e vesciche, inizialmente sul collo, intorno alle ascelle e in prossimità dell’inguine. Nelle 12-36 ore successive l’eruzione interessa tutto il corpo, tranne il naso e il mento.

 

Leggi anche: Tutto sulla scarlattina

Bruno Costi
direzione staibene.it

Предлагаем вам со скидкой https://el-smoke.club недорого с доставкой.
Наш авторитетный веб сайт , он описывает в статьях про наращивание ресниц позняки make-up.kiev.ua
}