• Sii sano

640 visite

Nati pretermine: quanto fa bene il latte materno

Il latte della mamma è il miglior nutrimento per il neonato e questo vale ancora di più per i bambini nati pretermine. Il motivo? Consente di ridurre il rischio di patologie e mortalità. Tra le malattie che colpiscono i prematuri ci sono la sepsi e l’enterocolite necrotizzante, che rappresentano un’importante causa di mortalità. Il riduce il rischio di incorrere in questi problemi perché è meglio tollerato, si digerisce più facilmente e viene assorbito meglio.
L’allattamento al seno per i prematuri ha bisogno di qualche accortezza in più:

  • preferibile nutrirlo ogni 3 ore anziché a richiesta. I bambini prematuri dormono molto e riconoscere il segnale che indica che vogliono mangiare è piuttosto lieve;
  • i bambini prematuri hanno meno forza dei bambini nati a termine a succhiare dal capezzolo della mamma. Cosa fare allora? Basterà estrarre il latte dal seno con un tiralatte e poi nutrirlo con il biberon.

Le proprietà del latte materno
Nonostante i tentativi degli scienziati di riprodurre in laboratorio il latte materno anche con le più sofisticate tecniche di ingegneria genetica, qualche cosa manca sempre.Le autorità sanitarie di tutto il mondo da tempo raccomandano l´allattamento al seno per i primi sei mesi, perché i benefici per il neonato sono molti; non solo sono più protetti contro una vasta gamma di infezioni, ma godono di vantaggi per tutta la vita: un quoziente intellettivo superiore, meno rischio di obesità e di diabete. Insomma, il latte materno offre ai neonati sostanze nutritive essenziali per crescere e svilupparsi bene. Ma cosa contiene il latte materno di così prezioso? Oltre ai grassi, alle proteine, ai carboidrati, ai minerali e alle vitamine, per sopravvivere i neonati hanno bisogno anche di ormoni, molecole degli anticorpi che solo il latte della mamma originale può dare.

Redazione Staibene

https://best-products.reviews

www.agroxy.com/prodat/rozh-97/lvovskaya-obl
}