• Sii sano

1.089 visite

Obesità, chi lavora in ufficio è più predisposto

Stress, straordinari, ore intere trascorse seduti: tutti elementi che concorrono ad aumentare il rischio di grave sovrappeso

9 APR – Un lavoro sedentario, che costringe a restare inchiodati alla scrivania, espone all’obesità. L’ufficio, insomma, è l’anticamera del grave sovrappeso e di conseguenza di seri problemi di salute. E’ la tesi di un nuovo studio internazionale, secondo cui esiste un nesso importante tra l’obesità e le condizioni in cui si lavora. Secondo John S. Evans della Harvard School of Public Health (Usa), “l´ufficio è diventato la nostra seconda casa: vi trascorriamo la maggior parte della giornata e consumiamo uno o due pasti, spesso fast food ricco di grassi saturi".
Lo studio su cui ha lavorato Evans, finanziato dall´Unione europea, ha esaminato le abitudini di lavoro e i livelli di attività fisica nei vari Paesi membri. “Stress, straordinari, ore intere trascorse seduti: sono fattori che peggiorano lo stato di salute di chi lavora in ufficio e favoriscono l´aumento di peso", spiega Athena Linos, della Athens University.
Quali i problemi evidenziati dalla ricerca? I dipendenti in azienda non hanno posti dove tenere e riscaldare (frigoriferi, piccole cucine) il cibo portato da casa, più sano di quello che si mangia al bar o al ristorante. Inoltre spesso le aziende non hanno palestre interne per i loro dipendenti. Secondo gli studiosi, i datori di lavoro dovrebbero incentivare gli impiegati a svolgere attività fisica e prevedere momenti di pausa lontano dalla scrivania.

Redazione Staibene.it – 2009
Tag:
Redazione Staibene

http://medicaments-24.com
}