• Sii sano

751 visite

L’esperto: “Quali farmaci tenere e quali buttare”

L’armadietto dei farmaci finisce sempre per essere fin troppo pieno. Come regolarsi, allora, per individuare i farmaci da tenere e le medicine da buttare via? Lo abbiamo chiesto al dottor Ovidio Brignoli, vicepresidente della Società italiana di medicina generale. “La prima regola è semplice: gettare via tutti i farmaci scaduti o deteriorati”.

Procediamo per ordine: come si riconoscono quelli rovinati?
Facile: basta un’occhiata al loro aspetto, se esempio sono entrati a contatto con l’acqua oppure hanno cambiato colore o forma o consistenza.

Come regolarsi, invece, con il problema della scadenza?
In questo caso, c’è un duplice aspetto da tenere in considerazione: oltre al fatto che, superata la data impressa sulla confezione, meglio buttare via tutto, va sottolineata l’importanza di conservare sempre scatola e foglietto illustrativo originali: ciò mette al sicuro da inconvenienti legati all’uso e alla corretta conservazione del farmaco stesso.

E se invece, per qualche motivo, la scatola originale non c’è più?
Per tutti i farmaci la data di scadenza è sempre impressa anche sui blister (le vesciche che proteggono il farmaco), le bustine o i flaconi. Un motivo in più di sicurezza…

Come regolarsi invece con quei farmaci che si preparano al momento dell’uso?
Eventuali avanzi di quelli che avete preparato in casa sul momento, unendo ad esempio polverine e liquidi in fiale, andrebbero sempre consumati appena pronti. Dunque, quel che resta va subito buttato via.

E quei medicinali preparati invece dal farmacista su indicazione del medico?
Stesso discorso: andrebbero sempre buttarli via subito dopo aver finito la cura.

Quanti medicinali andrebbero tenuti in casa?
L’armadietto dovrebbe essere né strapieno né semivuoto. La ragione è a metà strada. Provate a seguire questi due principi: fate prevalere i farmaci da banco, acquistabili senza obbligo di ricetta, a cui eventualmente aggiungere quelli prescritti dal medico per specifiche malattie. Il resto, compratelo di volta in volta. Poi controllate almeno una volta l’anno le date di scadenza, eliminando subito i farmaci ormai inutili e sostituendoli con quelli nuovi.

Redazione Staibene

изделия из гранита киев
}