• Sii sano

1.338 visite

Schiavitù da smartphone, i sintomi

Lo stress fa sentire vibrazioni per e-mail o sms anche se non ci sono

Lo smartphone può rendere schiavi. E non è un´esagerazione, se è vero quanto hanno appena dimostrato i ricercatori che hanno concluso uno studio scientifico sullo stress da controllo ossessivo del proprio cellulare. Un esempio per tutti? Avvertire vibrazioni da notifiche di e-mail o messaggi di vario tipo, anche quando non si sono mai verificate.

Questione di stress
La ricerca, presentata alla Conferenza della British Psychological Society´s Division of Occupational Psychology a Chester, è stata condotta su un gruppo di volontari e ha preso in esame il numero di volte in cui i soggetti hanno estratto il telefono dalla tasca durante l´esperimento: in molti casi erano convinti di averlo sentito vibrare anche quando non avevano ricevuto alcun messaggio.
I ricercatori hanno emesso questionari e realizzato stress test psicometrici su più di 100 volontari tra studenti e professionisti, da venditori al dettaglio ad impiegati degli uffici pubblici. I risultati hanno mostrato che l´uso dello smartphone è legato ai livelli di tensione, direttamente connessi al numero di volte in cui le persone hanno controllato i loro telefoni. Le persone con i livelli di tensione più estremi sono risultate staticamente turbate da una "vibrazione fantasma" simile a quella percepita quando i messaggi arrivano davvero.

Più danni che benefici
Nella maggior parte dei casi, gli individui analizzati avevano acquisito uno smartphone per tenere il passo con i ritmi del proprio lavoro. Ma dopo aver iniziato ad usare i dispositivi, i benefici apportati sul lavoro sono stati decisamente minori rispetto alla pressione e alla tensione provocate dai continui aggiornamenti con messaggi, e-mail e siti di networking sociale. Un circolo vizioso che contribuisce ad aumentare lo stress e a sviluppare un bisogno compulsivo di controllare il proprio telefono.

Tag:
Redazione Staibene

https://bestseller.reviews

https://top-obzor.com

babyforyou.org
}