• Sii sano

1.238 visite

Se l’invidia si trasforma in rabbia

invidia, gelosia, coppia, sesso

L’invidia è un peccato da tenere segreto, un sentimento che quasi mai esce allo scoperto. In questi casi però diventa difficile gestirlo e può trasformarsi in un sentimento negativo di rabbia.
Quando desiderare ciò che hanno gli altri crea delusioni, rabbia e distruttività , è da considerare un’emozione malata che ha radici in una scarsissima fiducia nella proprie capacità . Chi è malato di invidia vuole appropriarsi di quello che gli altri non hanno perché manca totalmente la speranza di poter ottenere un domani quelle stesse cose. In questi casi l’invidia è un’emozione dolorosa e nasce dal confronto tra la propria situazione e quella dell’altra persona con la constatazione di una situazione di inferiorità. Cose succede in questi casi? Si spera che il più fortunato cada in disgrazia pensando che questo possa far stare meglio.
Il meccanismo di pensiero è questo: se quella cosa non posso averla io allora non è giusto che ce l´abbia qualcun altro. Questo pensiero innesca, insieme alla rabbia, la componente di distruttività  verso chi possiede l´oggetto del proprio desiderio.
In questi casi l’invidia è un sentimento che crea frustrazione e negatività e porta la persona che ne soffre a evitare esperienze ed incontri che potrebbero esporla al rischio di sentirsi inferiore.

Quando l’invidia è nei confronti della partner
Quando si pensa all’invidia, si pensa che questo sentimento colpisca soprattutto le donne. Non è così, perché questo sentimento si sta diffondendo anche tra gli uomini nei confronti del loro stesso sesso, ma anche nei confronti delle proprie donne, fidanzate, mogli. Questo sentimento che si ripercuote molto sull’armonia di coppia ed anche sull’intesa sessuale.
"Quando una donna si lamenta con il suo partner perché lui va a vedere la partita o esce con gli amici, in realtà  vorrebbe potersi concedere gli stessi privilegi” spiega Marinella Cozzolino, psicologa e psicoterapeuta, presidente dell"Associazione italiana di sessuologia clinica. "Allo stesso modo, e a parti invertite, quando un uomo si lamenta con la sua compagna perché qualcuno le ha lanciato uno sguardo di troppo, non è gelosia, ma desiderio di attirare l’attenzione: perché guardano te e non me?".
Ma c’è di più. L’uomo può provare invidia perché lei ha fatto carriera, perché ha una sua vita indipendente, perché ha un miglior rapporto con i figli.

Redazione Staibene

В интеренете нашел интересный web-сайт на тематику Шкаф шоковой заморозки https://apach.com.ua
https://honda.ua

детская одежда для девочек интернет магазин
}