• Sii sano

8.736 visite

Sesso all’aperto, i 4 consigli estivi che servono all’uomo

sesso all'aperto_uomo

Consiglio n.2: Pantaloni si, no o come?

Il primo consiglio è dunque per l’abbigliamento. L’ eventualità di mettere in atto il Piano B in caso di necessità ( quando arriva un agente di polizia, un passante incuriosito, una mamma scandalizzata) richiede che l’abbigliamento dell’uomo sia essenziale. Pantaloni dunque, si, ma davanti niente bottoni, meglio la chiusura lampo. Inoltre, meglio non abbassare mai completamente i pantaloni ma aprire la parte anteriore quanto basta per poter agire in attacco, ma anche battere in “ ritirata” in pochi istanti.

 

Consiglio n.3 : slip o boxer?

La scelta da parte dell’uomo va fatta con lungimiranza già al mattino quando si sa, o si ipotizza, o si progetta di avere un rapporto sessuale all’aperto. In tal caso la scelta dev’essere senza dubbio per i boxer, possibilmente con apertura anteriore verticalmente ampia. Da quell’apertura infatti deve essere estratto il membro che, nell’azione, non deve avere costrizioni di elastici o strozzature. Ecco perchè lo slip è sconsigliato. Se non si deve abbassare completamente in ossequio al consiglio n.1, allora meglio evitarlo, perchè l’elastico sotto allo scroto è controindicato all’erezione ed all’eiaculazione.

 

Consiglio n.4 attenti alle webcam

La foga della passione a volte si incrocia con l’altro sesso in pochi istanti,nei quali il luogo passa in secondo piano. Ma le sorprese possono essere spiacevoli, perchè ormni le città sono piene di telecamere seminascoste e ci sono webcam dappertutto pronte a monitorare spostamenti, furti, presunti terroristi, o semplici borseggiatori. Dunque evitate i parcheggi ( monitorati attentamente dalle forze dell’ordine, ed i supermercati, (osservati dalle vigilanze private). Evitate anche pianerottoli ed ascensori, almeno non prima di averli attentamente scrutati.

 

Consiglio n.5 Occhio alla posizione

Il rapporto sessuale all’aperto, generalmente è preceduto da qualche breve preliminare che potrebbe esso stesso avere il connotato di atto osceno. Basta che immaginiate a quelli che solitamente praticate con il vostro partner e non c’è bisogno che ci dilunghiamo qui oltre per illustrare quale vostro atto è certamente osceno. In genere , è il tempo a disposizione a decidere la posizione migliore: se è poco, si tratta spesso della posizione in piedi. Efficace, rapido, abbastanza mimetizzabile, sia se vissuto anteriormente che posteriormente e, soprattutto, strategico quando si tratta di “battere in ritirata” in caso di necessità.

Se il tempo abbonda, allora può anche essere un rapporto a terra, generalmente con la posizione del missionario, che però richiede da pare vostra alcune precauzioni. Per esempio la disponibilità di un telo da stendere a terra per evitare rovi sopine, o qualsiasi altro genere di elemento della natura che possa intromettersi e rendere scomodo il rapporto.

 

Leggi anche: Sesso in piedi? pro e contro ella posizione più erotica

 

Consiglio n.6 : attenti al mare

Un supplemento di attenzione lo richiedono i rapporti sessuali all’aperto al mare. In questo caso a complicare le cose c si mette la sabbia ( fastidiosissimo elemento di disturbo e fonte inenarrabile di infezioni) e l’acqua salata del mare ( fonte di irritazioni che possono cancellare il ricordo della passione vissuta inducendo lei a non ripeterla). Se il rapporto avviene in queste circostanze, subito dopo solo obbligatori una doccia o un lavaggio con acqua dolce. Attenzione poi ai rapporti in acqua: il preservativo tende in genere a rompersi più facilmente.

Tag:
Bruno Costi
direzione staibene.it

https://www.avtomaticheskij-poliv.kiev.ua

http://biceps-ua.com

www.biceps-ua.com/primobolan.html
}