• Sii sano

670 visite

Sesso orale e connilingus, guida al piacere della donna in 5 mosse

………tanti “lui” incapaci di generare l’orgasmo delle partner ed alle tante “lei” che non lo provano ma possono sempre guidare i partner nella giusta attività.

  1. andare al college: il sessuologo nota che a differenza di quanto riportato del rapporto Kinsey, il primo documentato studio sui comportamenti sessuali condotto su basi scientifiche nel 1953 secondo il quale solo il 3% di donne giovani e vergini praticavano sesso orale (tra le sposate la percentuale era molto più alta), nell’indagine più recente, Sex in America ha dimostrato che la percentuale di donne che praticano regolarmente la fellatio è di molto aumentata, ma soprattutto che l’aumento si verifica proporzionalmente più nelle donne più istruite che in quelle meno istruite. Hanno cioè dato o ricevuto sesso orale in percentuale doppia rispetto a quelle con la sola licenza superiore. E l’ultima volta che hanno fatto sesso orale hanno anche fatto sesso completo. Insomma, l’istruzione, in un certo senso sembra agevolare la ricerca del piacere sessuale.
  2. Fare attenzione alle esigenze del clitoride: l’organo è composto, esattamente come il pene, di tre componenti: una testa, un’asta ed una base. Lì si innestano le 800 fibre nervose di cui si è detto più su, ma soprattutto le 15 mila fibre nervose che attraversano tutta l’area pelvica. Un paesaggio erogeno che basta percorrere con una certa delicatezza e continuità ed è capace di trasmettere alle aree giuste del cervello tali e tanti stimoli da produrre un piacere anche immenso.
  3. Dosare la stimolazione del clitoride: il consiglio principale è liberarsi della convinzione comune secondo la quale è solo la penetrazione, cioè l’orgasmo vaginale, la principale fonte del piacere femminile e tutte le altre fonti sono residuali o accessorie. L’uomo deve poi essere paziente, rispettoso, sensibile e tenero, e adottare un approccio nella stimolazione orientato al piacere di lei e non più solo all’eiaculazione di lui.

 

Leggi anche: Sesso orale e cancro alla bocca: ecco quanto si rischia

 

4.  Ad ognuno la sua protezione: se pure è un’attività erotica leggera non per questo dev’essere fatta con leggerezza. Molte delle malattie sessualmente trasmissibili sono presenti anche se, in assenza di sintomi, visivamente non appare. Significa che la donna può non sapere di averr contratto una malattia sessuale perchè non ha sintomi né evidenze visive o olfattive e dunque può incoraggiare il partner a procedere senza protezione. Se nella coppia non c’è la sicurezza totale, meglio non correre rischi usando strumenti protettivi come dental dam (sottili strisce di lattice che si applicano sopra la vulva) o guanti in lattice.

5. La tecnica infallibile: non c’è alcuna relazione tra piacere femminile e intensità e forza impiegate nella stimolazione del clitoride. Anzi, a volte è proprio il contrario. Ci sono donne che provano eccitazione spasmodica solo nel percepire il respiro dell’uomo sul clitoride; altre che la provano solo con contatti rapidi e fugaci. Avete presente la rana su una foglia di ninfea? Sta in silenzio immobile e poi, tutto d’un tratto, come una saetta lascia guizzare all’esterno la lingua per acchiappare la preda. Un’azione fulminea come questa, se fatta sul clitoride ha l’effetto di acchiappare la preda del piacere femminile. Lampi di contatto, come fossero azioni di puntinaggio che ripetute a intervalli di tempo non regolari e imprevedibili, danno a lei quel piacere improvviso che è tanto più intenso quanto non prevedibile.

I consigli di Kerner finiscono qui se pensiamo al piacere di lei. Ma vanno oltre riflettendo sulla causa scatenante dei suoi studi.

Egli ha infatti ammesso di aver indagato il mondo del connilingus come terapia da applicare su se stesso e sul suo problema di eiaculazione precoce. Ed è così che ha integrato la tecnica del connilingus alla penetrazione. Il piacere di lei ed una cura per lui.

 

Quanto sei portato per il sesso? Scoprilo con IL TEST

 

 

Tag:
Bruno Costi
Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

}