• Sii sano

1.756 visite

Sesso virtuale: i 7 rischi per il cervello che la tecnologia non ha risolto

Sappiamo che state già sentendo un brivido lungo la schiena . Ed allora ve ne facciamo correre uno ancora maggiore con un altra considerazione.

 

La scienza ha messo a punto la possibilità di connettere ciA? che accade nella scena virtuale con le sensazioni del mondo reale: il telefono cellulare inserito nel visore 3D è connesso, tramite blootooth a un vibratore o a un altro sex toy sincronizzando il movimento del vibratore a quello della scena. Si aggiunge così la sensazione fisica a quella mentale e addio rapporto sessuale vero. Basta il film. Tutto questo non è fantascienza ma una cosa già oggi realmente disponibile.

 

Quanto seià fissato con il Porno? Scoprilo con IL TEST

 

I 7 problemi più rischiosi

 

Gabriele Otpale medico e psicoterapeuta direttore del Centro Regionale veneto per i disturbi sessuali maschili, che tratta da anni la cura con i metodi virtuali, sostiene per esempio che l’immersione totale in una realtà virtuale comporta una focalizzazione attentiva e un maggior condizionamento della memoria; e aggiunge che ” è un fenomeno agli esordi di cui si vedono per ora solo prototipi e primi indizi sulle pieghe che potrà prendere.

Un altro ricercatore, Matthew Wood dell’Università di Newcastle ha condotto uno studio esplorativo attraverso un test che ha coinvolto 45 internauti di sesso ed orientamenti sessuali diversi, ai quali è stato chiesto di immaginare una storia erotica virtuale da vedere in un visore. Un tentativo di esplorare aspettative e immaginario. L’esito è stato un sorprendente caleidoscopio di fantasie le più bizzarre che hanno spaziato da descrizioni intense ma realistiche, a estremi di lussuria e a un mondo di totale fantasia ( ” una voluttuosa creatura aliena con due corpi femminili fusi con cui godere un irripetibile rapporto a tre ), o situazioni verosimili ma difficili da realizzare nella vita reale ordinaria ( fare sesso in una scuola vecchio stile ). Tutto ciA?, secondo i ricercatori, sfociava spesso in uno stato di euforia, di nirvana, una concretizzazione delle fantasie segrete, una sfrenatezza, una perfezione a volte persino eccessive.

 

Leggi anche: “Sexual addiction”, come si curano i malati di sesso

 

Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

https://best-cooler.reviews/

tokyozakka.com.ua
}