• Sii sano

7.499 visite

Educare i figli: come sgridare il ragazzo adolescente

L’adolescenza è l’età più critica per lo sviluppo di un ragazzo. Ecco qualche consiglio su capire, educare e anche sgridare un figlio adolescente. Parla lo psichiatra.

Educare i figli: come sgridare il ragazzo adolescente

Educare i figli richiede a volte anche di sgridare un ragazzo adolescente che l’avrà pure fatta grossa. Vi avrà fatto perdere la pazienza come poche altre volte in vita vostra. Ma sgridare vostro figlio esagerando con urla e strepiti resta un errore grave. Perché è diseducativo e non porta a nulla: anzi, è controproducente dal punto di vista educativo e comportamentale. Specie nella prima adolescenza.

 

Leggi anche : Come capire l’adolescente

 

Lo studio
La conclusione è il risultato di uno studio che ha coinvolto circa 1000 famiglie e che è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Child Development”.

Secondo quanto riferito da Ming-Te Wang, docente di psicologia presso la (negli Stati Uniti), redarguire verbalmente un adolescente, specie se con durezza, non sortisce i risultati sperati in termini di educazione, ma, anzi, genera nel ragazzo irritabilità e aggressività e lo rende ancora più incline a comportamenti disobbedienti, a dire bugie ai genitori, comportarsi male a scuola e con i propri coetanei.

Gli psicologi Usa hanno somministrato questionari a figli e ai genitori: ai primi hanno chiesto di dire quante volte nell’ultimo anno avessero mentito ai propri genitori, si fossero comportati male a scuola, fossero stati aggressivi o addirittura si fossero resi rei di piccoli furti.

Ai genitori hanno chiesto invece quante volte hanno sgridato, e come, i figli per i loro comportamenti scorretti e disobbedienti.
Incrociando le informazioni così ottenute, è emerso che i figli si comportano peggio quando vengono sgridati con durezza dai genitori. Inoltre anche a livello psicologico risultano più destabilizzati.

 

Leggi anche: I rischi dell’adolescente

 

Quale punizione per i figli adolescenti
Molti studi sono stati pubblicati finora sugli effetti delle punizioni corporali e fisiche sui bambini, bocciando questo tipo di punizioni.

Questo nuovo studio si concentra su un’altra forma di “punizione”, quella verbale che comporta lo sgridare o inveire contro il bambino, spesso con durezza, e magari etichettarlo con parole umilianti come “sei scemo”, “sei pigro”.
Secondo dati Usa, il 90% dei genitori sgrida con durezza i propri figli.
Cosa fare quindi? L’ideale, spiegano gli psicologi, sarebbe imparare a discutere coi propri figli spiegando loro le conseguenze dei loro comportamenti.

 

Leggi anche:  I consigli dell’esperto psichiatra per i genitori con figli adolescenti

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

www.kinder-style.com.ua

https://np.com.ua

cleansale.kiev.ua/washing-windows
}