• Sii sano

VIDEO – Vacanze, come scongiurare la diarrea del viaggiatore

Tra i tanti disturbi delle vacanze ce n’è uno che può davvero rovinarci l’estate: è la famosa “vendetta di Montezuma”, ovvero la diarrea del viaggiatore. Dove si rischia di più, come affrontarla e come curarla

Mare o montagna, Italia o estero: qualunque sia la destinazione prescelta dai 29 milioni di italiani in partenza per le vacanze, 8 su 10 metteranno in valigia almeno un farmaco. La ragione è che cambi di ambiente, alimentazione, fuso orario, rendono l’organismo più indifeso e per questo può capitare di avvertire qualche disturbo in grado di rovinare le ferie.
Ma tra i tanti disturbi delle vacanze ce n’è uno che può davvero rovinarci l’estate: è la famosa “vendetta di Montezuma”, ovvero la diarrea del viaggiatore.
Forse non lo sapete ma è il rischio più frequente perchè colpisce dal 40 al 50% dei viaggiatori che si recano in vacanza in mete esotiche. Parola di Ornella Cappelli,  la presidente donne medico. Alla diarrea spesso si associano altri sintomi come nausea, vomito, dolori addominali, febbre.
In 1 caso su 2  la causa è un batterio, l’escherichia coli presente in zone a basso tasso di igiene come l’Africa, l’America latina, il medio oriente e alcuni paesi dell’est.
Che fare? In questo caso la prima indicazione è bere abbondantemente , per evitare la disidratazione. Poi i farmaci antidiarroici da portare sempre in valigia, come la loperamide, per ridurre la gravità dei sintomi o la loro durata. Infine antibiotici appropriati.
La dieta dev’essere liquida o semiliquida, e le bevande gassate o la caffeina vanno evitati.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

www.monaliza.kiev.ua/catalog/kharkov/

agroxy.com

http://onlinecasinoplanet.net
}