• Sii sano

1.456 visite

La dieta dei bambini? Sbagliata. I pediatri accusano i genitori italiani

L’allarme questa volta arriva dai pediatri e mette sul banco degli imputati i genitori italiani per gli errori che commettono quando mettono  in tavola il pranzo o la cena per i loro figli,  ovvero nella dieta dei bambini .

La ragione sta nel panorama desolante che emerge dallo studio reso noto  dalla Società Italiana Medici Pediatri (Simp) presieduta da Giuseppe Mele, la quale ha effettuato una vera e propria radiografia dell’alimentazione dei bambini e ragazzi italiani, grazie alla quale si delinea il grave rischio che corrono i minori in Italia, a causa proprio della trascuratezza e dell’ignoranza dei loro genitori quando si tratta di pensare all’alimentazione dei figli.

Ma come mangiano i nostri bambini e, in generale, le famiglie italiane? E quali sono questi errori commessi involontariamente o per pigrizia da mamme papà e nonni italiani?

 

Leggi anche: La colazione dei bambini: 10 regole da non dimenticare

 

Come mangiano (male)  i ragazzi

 

La stagione estiva è sinonimo di vacanze e divertimento all’aria aperta, soprattutto per bambini e adolescenti, dopo un lungo anno passato sui banchi di scuola. Tuttavia, l’aumento delle temperature può generare inappetenza e difficoltà digestive, rendendo più difficile seguire un’alimentazione sana e regolare. Ecco allora la radiografia dell’alimentazione dei bambini/ragazzi quale emerge dall’indagine della Simp :

  1. Scarso consumo di verdura e frutta;
  2. Eccessivo consumo di proteine;
  3. Eccessivo consumo di grassi;
  4. Eccessivo consumo di zuccheri.

La ragione risiede  nelle brutte abitudini alimentari che i genitori hanno insegnato ai loro figli e che sono essenzialmente 4:

  1. Pasti irregolari;
  2. Assenza della prima colazione;
  3. Alimentazione spesso monotona;
  4. Assunzione squilibrata di micro e macro nutrienti.

 

Leggi anche: Obesità nei bambini: i 3 maggiori fattori di rischio

Gli errori maggiori quando i figli hanno 10 anni ( segue..)

 

 

Bruno Costi
direzione staibene.it

}